Diario di un nomade: Ritorno a casa – Dicembre 2016

Diario di un nomade: Ritorno a casa – Dicembre 2016

Mi chiamo Simone Bordignon Ròżycki, sono metà italiano e metà polacco. Ho pianificato di vivere come un nomade per i prossimi dieci anni della mia vita, spostandomi di paese in paese e cercando lavoro, soprattutto come barman. Scrivo delle mie esperienze cercando di condividere la mia esistenza nei suoi aspetti più intimi. Questo diario sarà un possibile punto di condivisione, crescita, incontro e conoscenza tra me e voi lettori. Il resto lo scoprirete leggendo…
Hasta la vista chicos!  

Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Progetto Think Together – Reportage 2° incontro: Il rispetto di sé e degli altri

Progetto Think Together – Reportage 2° incontro: Il rispetto di sé e degli altri

 

INTRODUZIONE
Cos’è il progetto Think Together?

È un progetto scolastico realizzato dall’Associazione Combo Think Together, una realtà culturale no profit milanese, il cui scopo è contribuire al progresso della società umana attraverso la diffusione di valori fondamentali quali empatia, cultura ed ottimismo realista. L’obiettivo del progetto è quello di accrescere il senso critico delle nuove generazioni attraverso un percorso formativo composto da una serie di incontri tenuti nelle scuole, affrontando tematiche relative all’importanza di sognare, il rispetto di sé e degli altri, la consapevolezza di se stessi e delle proprie emozioni, la felicità e il rapporto con la società in cui viviamo. Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Bando Aviva Community Fund: ci siamo anche noi!

Bando Aviva Community Fund: ci siamo anche noi!

Dal 2 al 30 Marzo sarà possibile votare il nostro progetto scolastico Think Together sul sito Aviva Community Fund. Ogni utente che si registra ha diritto a 10 voti da destinare a uno o più progetti e, ovviamente, i progetti che avranno ricevuto il maggior numero di voti accederanno alla fase finale.

Non ci resta altro da fare che chiedervi di informarvi: potete guardare qui il video di presentazione di Think Together e/o visitare la pagina dedicata sul nostro sito.

Se poi il nostro progetto vi piace, allora dateci il vostro voto! Puoi votarci qui

Ricordate che dovete essere registrati al sito di Aviva, ma soprattutto che ognuno di voi ha a disposizione 10 voti che può dare anche allo stesso progetto.

Oppure aiutateci a capire come potremmo migliorarlo! Scrivici a info@associazionecombo.org o lasciaci un commento qui sotto!

Siamo sicuri ci siano altri progetti altrettanto interessanti e team altrettanto affiatati come il nostro, e non sarà di certo facile arrivare tra i progetti finalisti.

Noi ci proviamo e sarebbe bellissimo se ci riuscissimo perché potrebbe aprirci porte importanti e perché potrebbe garantirci maggiori possibilità di influire davvero sulla realtà in cui si svolge Think Together, coltivando la nostra fiducia che una società diversa, attenta anche ai ritmi e ai bisogni più umani di tutti noi, sia possibile. Veramente.

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Periferie europee: origini, conseguenze e possibili soluzioni.

Periferie europee: origini, conseguenze e possibili soluzioni.

“La forza senza Giustizia è tirannia. La Giustizia senza forza è inerme. Incapaci di aver fatto forte ciò che è giusto, abbiamo fatto giusto
ciò che è forte.”

Blaise Pascal

Dall’avvento della società di massa del diciannovesimo secolo, le aree suburbane hanno funzionato da miniere di capitale umano per le città, le quali necessitano di molto personale che lavori per vari servizi urbani e compagnie private. Una delle spaccature sociali che si sono formate sin dall’inizio di questa riorganizzazione umana è la differenza tra centro e periferia1. Il centro è teatro di sviluppo urbano, nonché dimora dei “padroni”, dei datori di lavoro; la periferia, invece, ospita un’alta densità di popolazione con basso reddito, i cosiddetti “servi”. Questa retorica semantica di “servi” e “padroni”, di “capitale umano” e di “personale” ha contribuito a modellare la percezione generale dell’utilità produttiva di un individuo in rapporto alla sua utilità sociale. Così, in pochi anni, si sono create delle categorie di persone “non idonee” alla società in quanto non abili a mantenere gli standard di questa nuova economia. Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Diario di un nomade: Amsterdam – Novembre 2016

Diario di un nomade: Amsterdam – Novembre 2016

Mi chiamo Simone Bordignon Ròżycki, sono metà italiano e metà polacco. Ho pianificato di vivere come un nomade per i prossimi dieci anni della mia vita, spostandomi di paese in paese e cercando lavoro, soprattutto come barman. Scrivo delle mie esperienze cercando di condividere la mia esistenza nei suoi aspetti più intimi. Questo diario sarà un possibile punto di condivisione, crescita, incontro e conoscenza tra me e voi lettori. Il resto lo scoprirete leggendo…
Hasta la vista chicos!  

Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

La sessualità è un diritto, anche per gli adolescenti

La sessualità è un diritto, anche per gli adolescenti

Una guida per legislatori, genitori ed educatori indica la strada da percorrere per aiutare i più giovani a sviluppare una sessualità sana. Ed evidenzia qualche paradosso

 

Siamo tutti esseri sessuali. Fin dall’adolescenza. Una verità riconosciuta da tempo dai manuali di psicologia, ma spesso negata nei fatti, anche nelle società più avanzate. L’idea che i giovani abbiano pulsioni legittime e che abbiano diritto a svilupparle liberamente è un tabù in molti Paesi. E anche dove non lo è, gli ostacoli che impediscono agli adolescenti di vivere appieno la loro sessualità sono ancora numerosi. Per questo la no profit International Planned Parenthood Federation (IPPF) e l’Associazione Mondiale per la Salute Sessuale (WAS) hanno creato “Fulfil!”, un documento che sancisce il diritto dei giovani alla sessualità. L’obiettivo è aiutare legislatori, insegnanti e genitori a tradurlo in realtà senza rinunciare a proteggere i più giovani, cercando un equilibrio tra conoscenza dei rischi e tutela dei diritti.

Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Progetto Think Together – Reportage 1° incontro: L’importanza di sognare

Progetto Think Together – Reportage 1° incontro: L’importanza di sognare

 

INTRODUZIONE
Cos’è il progetto Think Together?

È un progetto scolastico realizzato dall’Associazione Combo Think Together, una realtà culturale no profit milanese, il cui scopo è contribuire al progresso della società umana attraverso la diffusione di valori fondamentali quali empatia, cultura ed ottimismo realista. L’obiettivo del progetto è quello di accrescere il senso critico delle nuove generazioni attraverso un percorso formativo composto da una serie di incontri tenuti nelle scuole, affrontando tematiche relative all’importanza di sognare, il rispetto di sé e degli altri, la consapevolezza di se stessi e delle proprie emozioni, la felicità e il rapporto con la società in cui viviamo. Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

4 motivi per votare Sì al referendum contro le trivelle

4 motivi per votare Sì al referendum contro le trivelle

Il 17 aprile avrà luogo il referendum contro le trivellazioni nei mari italiani. Si tratta di un referendum abrogativo – che cancella una norma – quindi per dire NO alle trivelle è necessario votare SÌ.

Il referendum ha una portata limitata (riguarda solo le trivelle entro le 12 miglia) ma secondo noi è molto importante per proteggere l’ambiente, mandare un segnale alle multinazionali del petrolio e indirizzare le politiche energetiche del governo verso un futuro 100% sostenibile.

Ecco 4 motivi per i quali è necessario votare SÌ.

 

Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

La collaborazione ultratemporale come motore del progresso: la storia di Plutone

La collaborazione ultratemporale come motore del progresso: la storia di Plutone

Artwork: Papaya – Lettering & Illustration 

 

Dalle più antiche origini del pensiero e dello sviluppo della civiltà alle più recenti scoperte scientifiche e tecnologiche, gli esseri umani hanno evoluto le proprie conoscenze, rivoluzionando continuamente la propria consapevolezza dell’universo, grazie a una profonda collaborazione sviluppata nel corso della storia e del tempo. Ma non si tratta solo di collaborazione nel suo senso letterale, come si può intendere oggi in ambito professionale o accademico, bensì di una collaborazione ultratemporale, ovvero, un progresso intellettuale e tecnologico per mezzo di scoperte e invenzioni, avvenute attraverso epoche, secoli e millenni di Storia. Indicativa in tal senso è la storia del pianeta Plutone e del fly by della sonda New Horizons, una delle ultime novità astronomiche che da qualche mese sta esaltando gli appassionati e tutto il mondo dei social network. Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn