Pensieri

Dell’essere capaci

Dell’essere capaci

Artwork: Papaya – Lettering & Illustration 

 

Di cosa siamo capaci? Di tante cose, diremmo. Sappiamo respirare, scherzare, cucinare, sappiamo fare calcoli! Sappiamo costruire cose, case, palazzi, città, nazioni, regni, imperi. Siamo capaci di scrivere, oppure non siamo capaci di scrivere, o di leggere, o di fare. Non sai fare niente! Non sei capace! Sei un incapace! Ecco, ad accusare siamo certamente molto bravi, ma se in realtà, semplicemente, non fossimo capaci di essere capaci?

 

Cosa significa, davvero, “essere capaci”? Capace non vuol dire “saper fare”, vuol dire “saper contenere”. La capacità è una dimensione, non un’azione. Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

La poesia zen: ovvero, bellezza e verità in ogni cosa

La poesia zen: ovvero, bellezza e verità in ogni cosa

Solo perché esisto
Sono qui –
Tra la neve che cade
Issa (1763 – 1827)

Esistere. Essere qui ed ora. Trovarsi immersi nella natura, nel mondo. Questa è l’essenza della vita, la sintesi della felicità terrena. Della gratificazione del corpo e dello spirito. Della pace interiore.
È questo ciò che vogliono insegnarci i poeti Zen, come il maestro giapponese Issa. Concetti ed emozioni, resi attraverso impressioni poetiche che arrivano fino a noi con forza dirompente. Un processo del divenire, dove ogni minimo particolare in ogni momento dell’esistenza diviene partecipe dell’Assoluto. Lo scopo di questi componimenti è quello di far rivivere nella mente del lettore questo processo, unito alla sensazione dell’esperienza vissuta dal poeta, in modo che, anche a distanza di diversi secoli, l’effetto previsto rimanga invariato.Continua a leggere…

Condividi questo post!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn